Imprès des de Indymedia Barcelona : http://barcelona.indymedia.org/
Independent Media Center
Anàlisi :: pobles i cultures vs poder i estats
Nueva ola regresiva mundial
19 gen 2011
Análisis del declive de la democracia como sistema político ligado a la globalización y su progresiva sustitución por regímenes autocráticos.
imagesCALYGJN3.jpg
Como explica el escritor Samuel Huntington en su libro The Third Wave, el mundo ha pasado por tres olas de desestabilización y democratización. Una ola de democratización es un "conjunto de transiciones de un régimen no democrático a otro democrático, que ocurren en determinado período de tiempo y superan a las transiciones en dirección opuesta durante ese período y también implica la liberalización o la democratización parcial de sistemas políticos". En el mundo moderno se habrían producido tres olas de democratización. Cada una de ellas ha afectado a un número escaso de países y durante su transcurso algunos regímenes de transición fueron en una dirección no democrática., pero no todas las transiciones hacia la democracia ocurren durante las olas democráticas.

Tercera ola de democratización (1973- 1990)
En su análisis de la “tercera ola” mundial de las transiciones a la democracia,( iniciada en 1974 con la Revolución de los Claveles en Portugal ), Samuel Huntington observó que las posibilidades de democratización aumentaron cuando estos países salieron de la pobreza y alcanzaron un nivel intermedio de desarrollo socioeconómico, momento en el cual ingresaron en una “zona de transición política”. Las dos primeras olas de democratización fueron seguidas por una ola inversa, con países como Brasil; España, Portugal . Grecia, Granada, Brasil y Panamá que hicieron una posterior transición hacia la democracia y que fue completado en la Década de los 90 con la democratización de los países de la extinta URSS y Sudáfrica.
Lo más importante de esta ola es que fue un momento universal (en 15 años la ola se trasladó por Europa del Sur, saltó a Latinoamérica, se trasladó a Asia y diezmó las dictaduras del bloque soviético.) Así, en 1974, ocho de los 10 países sudamericanos tenias gobiernos no democráticos, en 1990, 9 tenían gobiernos democráticamente electos y según Freedom House, el 32% de la población mundial vivía en países libres y en 1990, cerca del 39% , disminuyendo por primera vez la cantidad absoluta de estados autoritarios

Nueva ola desestabilizadora mundial (2009-2019)
Sin embargo, las últimas elecciones democráticas del último quinquenio han estado marcadas por acusaciones inequívocas de fraude electoral (Irán y Afganistán) , aislamiento internacional de los gobiernos democráticamente elegidos (Bolivia, Venezuela , Ecuador, Nicaragua y Franja de Gaza); pseudo- elecciones para intentar edulcorar “golpes de mano blandos” (Honduras ) y aceptación por la comunidad internacional de sistemas políticos devenidos en meros gobiernos autocráticos (Bielorrusia, Georgia y Rusia).
De todo ello, se deduce que estaríamos en vísperas de la irrupción en el escenario geopolítico de la nueva ola desestabilizadora mundial ,(cuyos primeros bocetos ya están perfilados y que terminará de dibujarse en la próxima década),originada por el ocaso de la economía global; la pérdida de credibilidad democrática de incontables gobiernos de países del Tercer Mundo ; el declive de EEUU como primera potencia mundial y la irrupción de nuevos actores en el marco geopolítico mundial (China, Rusia, India y Brasil ) y que tendrían a Honduras,Paraguay, Brasil, Grecia, Turquía y Paquistán como paradigmas de los llamados “golpes virtuales o postmodernos “que protagonizarán la próxima década en el nuevo escenario geopolítico mundial

GERMÁN GORRAIZ LOPEZ

This work is in the public domain

Comentaris

Re: Nueva ola regresiva mundial
19 gen 2011
Muy de acuerdo con tu analisis, German.
El unico 'pero' se deriva del significado pervertido de las palabras 'democracia', 'pais libre', 'desarrollo', etc.
Nos hemos acostumbrado a que la palabra 'cristianismo' designe a una secta millonaria de gilipollas ultraconservadores gobernada por crapulas, ladrones, pederastas y asesinos que pervirtieron en beneficio propio las enseñanzas de un caudillo judio inspirado por el budismo.
Analogamente, nos hemos acostumbrado a que la palabra 'democracia' designe un regimen perverso derivado del anterior, donde la gente puede meter en una urna el nombre de sus dominadores o el nombre de los esbirros a sueldo de sus dominadores [y a callarse durante 4 o 5 años]. Nada que ver con las asambleas en el agora donde cada ciudadano podia expresar su opinion y decidir sin intermediarios, la verdadera democracia.
Otro tanto sucede con la palabreja 'desarrollo', equivalente a 'petroleo-coches-megaestructuras', 'clases medias alienadas', 'turismo depredador', 'liberalizacion de los mercados', PNB-PIB y demas mierdas que impone la globalizacion capitalista.
Y, por cierto, la palabreja 'economia', prima hermana de la palabra 'ecologia', que significan respectivamente, la ley de la tierra' y 'la logica de la tierra' se emplean para designar 'el mantenimiento a sangre y fuego del estatus quo capitalista imperante' y 'vamos a forrarnos simulando que queremos reparar lo que antes destrozamos por la pasta' respectivamente.
Re: Nueva ola regresiva mundial
19 gen 2011
D'acord amb el comentari anterior, tret de l'agora grega, en què els esclaus són esclaus dels ciutadans que parlen, ves per on...
Sabeu com pensa el Huntington i la Freedom House, i què conceben com a països lliures, democràcia i desenvolupament? Sabeu què entenen per frau electoral? El que va succeir a Florida fa uns anys amb la primera elecció del Buix petit potser? El 2019, sí?, per què el 2019? Què set sous pinta el Huntington a indymedia? No fotem!!! De debò que no ho entenc...
El paio aquest és aquell que amb el conte barat del "xoc de civilitzacions" legitima tot el procés global del colonialisme capitalista occidental. Com puc obrir indymedia i trobar-me'l aquí? Si alguna cosa està totalment deslligada de la globalització és justament la democràcia, i suposo que l'autor d'aquesta entrada és prou intel·ligent per saber de què va el Huntington, oi? Llavors expliqueu-me què collons fa penjat aquí sisplau. Aquesta entrada és pròpia dels mitjans de propaganda burgesos, senzillament.
Documentos sobre EUROGENDFOR, la policia militar eur
19 gen 2011
Documentos sobre EUROGENDFOR, policia militar europea



autor:
acab

Una Fuerza Sobrenacional avanza: EUROGENDFOR
By Edoardo Capuano

Sanciones europeas a los Paises que no ha abolido su Policia militar

“Por un inesplicado decreto eurocratico, no deben mas esistir Policias militares en los Paises europeos. Dentro el 2011, si hemos bien entendido algo del confundido y silencioso proyecto,nuestro maresciallo preocupado no serà mas «maresciallo» sino inspector; el apuntado sera «asistente», un brigadier jefe serà sobrintendente, vamos seran transformados en agente de policia civil, sin estrellas. Dependientes del Interior y no de la Defensa. Los Paises que no aboliran su Policia militar iran encuentro a graves sanciones europeas.

Y todo esto, pasa en el mas completo silencio y sin la minima protesta. Los Carabinieros son, entre las instituciones, aquella que goza de la maggiore e più costante confianza de la opinion publica; constantemente, los sondeos muestran que los italianos lo sienten el cuerpo mas seguro, colunna historica de la nacion: posible que ningun politico o periodico alce la cuestion?

La respuesta se encuentra igual en el hecho que no todos los carabinieres pasaran a la Policia de Estado. Una parte del personal - sobre todo los oficiales - se quedara en el Arma, y mantendra las solas funciones de policia militar: no mas però comop cuerpo al servicio de la Italia, sino como cuerpo sobre nacional.

Confluyendo en un nuevo leviatan eurocratico, denominado «Eurogendfor», orwelliana sigla por Fuerza de Gendarmeria europea. (www.eurogendfor.eu)

Eurogendfor ha nacido en Holanda el 18 octubre 2007 con el «tratato de Velsen» (uno de los tantos tratados del cual los ciudadanos no sabran nada), firmado por los Paises que son dotados de Policias militares: Francia (Gendarmeria), Espana (Guardia Civil), Portugal (Guardia nacional) y Holanda (Marechaussée) y obviamente, para la Italia, los Carabinieros.

Eurogendfor es una super-policia sobranacional. Osea (articulo 5) «a disposicion de la UE, del OSCE, de la OTAN o de otras organizaciones internacionales o coaliciones especificas». Una fuerza «pre-organizada y desplegable en tiempos rapidos» y capaz «de seguir todos los compitos de policia previstos en el ambito de las operaciones de gestion de las crisis».

Asì, ya està otro tratado ignorado pòr los ciudadanos. Pocas lineas oficiales advierten que «El Consilio ministerial de la UEO, reunido a Petersberg, cerca de Bonn, aprovò, el 19 junio 1992, una Declaracion que individuaba una serie de compitos, precedentemente atribuidos a la misma UEO, de asenar a la Union Europea; las hasi dichas ‘misiones de Petersberg’ son las siguientes: misiones humanitarias o de evacuacion, misiones entendidas al mantenimiento de la paz, ademas que las misiones constituidas de fuerzas de combatimento para la gestion de crisis, ivi compresas operaciones de repristino de la paz». (europa.eu)

La UEO es un viejo arnes del atlantismo bellico, sobrevivido a la guerra fria. Ahora descubrimos que parte de sus compitos han sido asuntos por la UE. Y que los Carabinieros hacen parte de una fuerza armada permanente para «interventos humanitarios», «guerra al terrorismo» y otras guerras sin fin y no declaradas,como son convertidas en actualidad despues de la desaparicion del Enemigo sovietico.

Evidentemente, estos conflictos deben ser resos permanentes. Los nuevos carabinieros de-nacionalizados intervendran en todo el mundo. No esta claro si intervendran tambien para sedar «crisis» sociales en Europa, contra sus mismos ciudadanos. Aparentemente sì: Eurogendfor podrà hacer sobre suelo italiano todas las actividadesà sobra descritas. Se espran aclaramentos.

Uno de los aspetos inquietantes es la sede decidida para Eurogendfor: El cualtel de los carabinieros «General Chinotto», que se encuentra a Vicenza. La misma ciudad donde esta situada la mas grande base militar de los estados unidos en Italia, base que no es a disposicion de la OTAN solo del Pentagono, que alli mantiene un buen numero de testadas nucleares.

Y quien manda sobre Eurogendfor? Un comite interministerial (orwellianamente CIMIN) con sede tambien a Vicenza, compuesto por representantes ministeriales de los Paises aderentes (por la Italia, Defensa y Exterior). Esto CIMIN ejercita en exclusiva el «control politico» sobre la nueva Policia militar y decide una a la vez las condiciones de ingagio de Eurogendfor; y al Cimin solo Eurogendfor responde. En otras palabras, Eurogendfor no responde a algun Parlamento, ni nacional ni europeo.

Y si yà asì la cosa aparece de una gravedad absoluta, (una fuerza de Policia militar sobrenacional que no responde de las propias acciones a algun parlamento, sino solo a un comite interno) es leyendo el diseno de ley numero 3083 - A, pasado al Senato (tambien en este caso en el mas absordante silencio) el 4 marzo 2010, que se coge el absoluto peligro de tal estructura.

Leyendo los actois se descubre que la Eurogendfor (yà absolutamente activa es funcionante bien que la Italia todavi no ha ratificado), SOSTITUYENDO e/o rinforzando las fuerzas de policia aventes estatus civil, puede compiere un ampio spettro di attività:

- garantire la pubblica sicurezza e l’ordine pubblico;
- eseguire compiti di polizia giudiziaria;
- monitorare la polizia locale nell’adempimento dei propri servizi
- compiere investigazioni criminali
- dirigere la pubblica sorveglianza
- regolamentare il traffico
- operare come Polizia di frontiera
- acquisire informazioni e svolgere operazioni di intelligence
- proteggere la popolazione e la proprietà,
- ecc..

Ma ancora non basta, perché questa super Polizia sovranazionale gode anche di una sorta di totale immunità a livello internazionale. Infatti, leggendo il trattato si apprende che:

Articolo 21) i locali, edifici, archivi (anche informatici ed anche se non ivi presenti) appartenenti ad Eurogendfor sono inviolabili;

Articolo 22) le proprietà ed i capitali di Eurogendfor sono immuni da provvedimenti esecutivi dell'autorità giudiziaria;

Articolo 23) tutte le comunicazioni degli ufficiali di Eurogendfor non possono essere intercettate;

Articolo 28) i Paesi firmatari rinunciano a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni. L’indennizzo non verrà richiesto neanche in caso di ferimento o decesso del personale di Eurogendfor;

Articolo 29) gli appartenenti ad Eurogendfor non potranno subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in uno specifico caso collegato all’adempimento del loro servizio.

È stata, in altri termini, creata una sorta di struttura militare sovranazionale che potrà operare in qualsiasi parte del mondo, sostituirsi alle forze di Polizia locali, agire nella più totale libertà (leggi immunità) e che, al termine dell’ingaggio, dovrà rispondere delle sue azioni al solo comitato interno.

Ora diventa forse più chiaro perché nessun vertice dell’Arma dei Carabinieri ha mosso alcuna obiezione alla legge di riforma che la vuole sotto le dirette dipendenze del ministero dell’Interno.

A finire sotto quel ministero saranno solo i sottufficiali e la truppa. Per gli ufficiali, l’Arma aumenta il suo potere: dovrà rispondere solo al CIMIN (ovvero a ufficiali e rappresentanti del ministero Esteri e Difesa); manterrà i suoi poteri in Italia e anzi nel mondo, e facendo parte dell’Eurogendfor, godendo di privilegi e immunità che prima non avevano, fino ad una totale immunità e insindacabilità. Lo status di cui già godono anche più inquietanti «istituzioni» europee, da Eurojust (procuratori d’accusa) e Europol, anch’essi insindacabili e persino sconosciuti ai cittadini europei - ammesso che siamo ancora cittadini.

Tratto dall'articolo di Solange Mandrefi in effedieffe.com

Eurogendfor: ecco come nasce nel silenzio un pericoloso leviatano europeo
LUNEDÌ 03 MAGGIO 2010 05:53
0

L'organismo non risponde delle proprie azioni a nessun parlamento (nazionale od europeo) e godrà della più totale immunità giudiziaria a livello internazionale. Roma, 3 mag - Eurogendfor, dietro questa sigla apparentemente innocua declinata in italiano come "Gendarmeria europea", vi è un organismo di cui pochissimi conoscono la genesi e gli obiettivi, tranne piccoli gruppi tra l'opinione pubblica europea le cui resistenze, comunque, sono state liquidate dagli "esperti" come le solite esagitate proteste pacifiste.

Nato in Olanda il 18 ottobre 2007 col «trattato di Velsen» (uno dei tanti trattati di cui i cittadini non sanno nulla), firmato dai Paesi che sono dotati di Polizie militari - Francia (Gendarmerie), Spagna (Guardia Civil), Portogallo (Guardia nacional) e Olanda (Marechaussée) e ovviamente, per l’Italia, i Carabinieri - Eurogendfor è una super-polizia sovrannazionale a disposizione della UE, dell’OSCE, della NATO o di altre organizzazioni internazionali o coalizioni specifiche (art. 5 del trattato, Framework for the missions). Una forza pre-organizzata, robusta e rapidamente schierabile, composta esclusivamente da elementi delle forze di polizia con status militare, al fine di svolgere tutti i compiti di polizia nell' ambito delle operazioni di gestione delle crisi (art. 1). Dal 17 Dicembre 2008, fa parte a pieno titolo di Eurogendfor anche la Gendarmeria romena, portando quindi a sei il totale degli Stati membri.

Eurogendfor può contare su una forza di 800 "gendarmi" mobilitabile in 30 giorni, più una riserva di altri 1.500, e due organi centrali, uno politico e uno tecnico. Il primo è il comitato interdipartimentale di alto livello chiamato CIMIN, acronimo di Comité InterMInistériel de haut Niveau, composto dai rappresentanti dei ministeri degli Esteri e della Difesa aderenti al trattato. L’altro è il Quartier generale permanente (PHQ), composto da 16 ufficiali e 14 sottufficiali (rispettivamente 6 e 5 italiani). I sei incarichi principali (comandante, vicecomandante, capo di stato maggiore e sottocapi per operazioni, pianificazione e logistica) sono ripartiti a rotazione biennale tra le varie nazionalità, secondo gli usuali criteri per la composizione delle forze multinazionali.

La sede del Quartier generale di Eurogendfor è in Italia (precisamente a Vicenza, Caserma Chinotto). La localizzazione della sede avvenne dopo un lungo negoziato con la Francia.
La scelta fu certamente aiutata dal colpo messo a segno dai Carabinieri quando Berlusconi, nel farsi promotore assieme a Bush della Global Peace Initiative (GPI) approvata il 10 giugno 2004 dal 30° vertice del G8 di Sea Island, ottenne che il coordinamento della formazione dei 7.500 poliziotti civili e militari dei paesi coinvolti nella GPI fosse affidato alla Benemerita. Per la Francia fu un grosso smacco, se si pensa al suo ruolo di cooperazione militare e di polizia con le sue ex-colonie africane che nel 2003 aveva indirettamente promosso, tramite il Senegal, l’Organizzazione delle Gendarmerie Africane (OGA) che ha sede a Dakar e riunisce ben 26 paesi. I Carabinieri, che avevano già impiantato la fabbrica delle MSU nella caserma del 13° battaglione di Gorizia, attrezzarono un’altra Stargate nella loro sede di Vicenza, dove furono destinati sia il PHQ dell’EGF sia il Centro di Eccellenza per le Unità di Polizia di Stabilità (CoESPU) della GPI.

La circostanza che tutto ciò che riguarda Eurogendfor sia circondato in Italia dal più totale silenzio pone seri interrogativi soprattutto in considerazione del fatto che alcuni articoli del trattato (che tra poco sarà ratificato anche dall'Italia) prevedono una totale immunità giudiziaria a livello nazionale ed internazionale, ma non solo.

L'articolo 21 del trattato prevede infatti l'inviolabilità dei locali, degli edifici e degli archivi; l'articolo 22 immunizza le proprietà ed i capitali di Eurogendfor da provvedimenti esecutivi dell'autorità giudiziaria; l'articolo 23 prevede che tutte le comunicazioni degli ufficiali di Eurogendfor non possano essere intercettate; l'articolo 28 prevede che i Paesi firmatari rinunciano a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni. L’indennizzo non verrà richiesto neanche in caso di ferimento o decesso del personale di Eurogendfor a meno che non venga dimostrata la negligenza grave o comportamento doloso da parte di personale di uno Stato membro nel qual caso i costi derivanti dagli indennizzi ricadranno solo su quello Stato; l'articolo 29 prevede infine che gli appartenenti ad Eurogendfor non potranno subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in tutti quei casi collegati all’adempimento del loro servizio.

I Compiti di Eurogendfor

Leggendo l'articolo quattro del trattato (Missions and tasks) si scopre che Eurogendfor potrà operare anche in sostituzione delle forze di polizia aventi status civile, in tutte le fasi di gestione di una crisi e che il proprio personale potrà essere sottoposto all'autorità civile o sotto comando militare. Vastissimi sono i compiti che il trattato affida a Eurogendfor:

• garantire la pubblica sicurezza e l’ordine pubblico;
• eseguire compiti di polizia giudiziaria;
• controllo, consulenza e supervisione della polizia locale, compreso il lavoro di indagine penale;
• compiere investigazioni criminali;
• dirigere la pubblica sorveglianza;
• regolamentare il traffico;
• operare come Polizia di frontiera;
• acquisire informazioni e svolgere operazioni di intelligence;
• proteggere la popolazione e la proprietà

E’ stata, in altri termini, creata una sorta di struttura militare sovranazionale che potrà operare in qualsiasi parte del mondo, sostituirsi alle forze di Polizia locali, agire nella più totale libertà (leggi immunità) e che, al termine dell’ingaggio, dovrà rispondere delle sue azioni al solo comitato interno.

In Italia, le Commissioni Esteri e Difesa, in seduta congiunta, hanno chiuso pochi giorni fa l'iter referente del DDL 2062 di ratifica del Trattato di Velsen. Alcuni ulteriori approfondimenti - ha assicurato il Sottosegretario alla Difesa Crosetto - potranno essere fatti nel dibattito in Aula.

da carabinieri.it
Prima riunione sotto Presidenza italiana del Comitato Interministeriale di Alto Livello (CIMIN) di Eurogendfor
Roma,21/05/2010
Nella giornata di ieri, a Roma, presso la caserma "Salvo d'Acquisto", sede del Comando Carabinieri Unità Mobili e Specializzate, si è tenuta una riunione sotto presidenza italiana del Comitato Interministeriale di Alto Livello (CIMIN) della Forza di Gendarmeria Europea "Eurogendfor" (EGF).

A partire dal 1° gennaio 2010, l'Italia, subentrando alla Francia, ha assunto la presidenza annuale dell'alto consesso che coordina dal punto di vista politico-militare la Forza di Gendarmeria Europea ed è composto dai rappresentanti dei ministeri competenti dei vari Paesi membri. Ne fanno parte, per l'Italia, in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore della Difesa, il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri e, per il Ministero degli Affari Esteri, il Direttore Generale per la Cooperazione Politica Multilaterale e i Diritti Umani.

La Forza di Gendarmeria Europea è uno degli strumenti più efficaci a disposizione delle Organizzazioni Internazionali nella gestione delle crisi anche in ambienti molto instabili.

E' una struttura multinazionale composta da forze di polizia ad ordinamento militare dell'UE (Arma dei Carabinieri, Gendarmeria Nazionale francese, Guardia Civil spagnola, Guarda Nacional Republicana portoghese, Marechaussée olandese e Jandarmeria romena), in grado di intervenire in aree di crisi, sotto egida NATO, ONU, UE o di coalizioni costituite fra diversi paesi, sostituendo o affiancando forze di polizia locali quando queste non sono in grado di fronteggiare la situazione.

La Forza di Gendarmeria Europea è stata istituita nel 2004 con un trattato internazionale ratificato lo scorso 28 aprile dal Parlamento italiano.

Dal punto di vista operativo, EGF è stata tenuta a battesimo nell'ambito dell'operazione militare "EUFOR ALTHEA" in Bosnia Erzegovina. Dal dicembre 2009 opera anche in Afghanistan, all'interno della NATO Training Mission Afghanistan e, dallo scorso febbraio, partecipa alla missione ONU in Haiti.

La riunione di ieri, alla quale hanno partecipato, fra i rappresentanti civili e militari di nove Paesi, il Comandante Generale dell'Arma Leonardo Gallitelli e il Vice Direttore Generale per la Cooperazione Politica Multilaterale e i Diritti Umani della Farnesina Filippo Formica, è stata l'occasione per un approfondimento sulle attività in corso.

In particolare, per quanto riguarda l'Afghanistan, dove Eurogendfor è già impegnata nell'addestramento della polizia locale, sono state esaminate ipotesi di un suo ulteriore coinvolgimento nella Nato Training Mission, grazie anche alla partecipazione ai lavori del Generale statunitense Caldwell, Comandante della missione, che ha illustrato la strategia atlantica nel Paese e il ruolo fondamentale che EGF può svolgere nella ricostruzione degli apparti di sicurezza locali.

Il "focus" dei lavori si è poi spostato da est a ovest, con un punto di situazione sulla missione ad Haiti, alla quale EGF partecipa dal febbraio scorso con personale fornito da Italia, Francia e Spagna. Entro la fine di maggio sarà pienamente operativa sull'isola caraibica una Formed Police Unit (FPU), composta da 120 Carabinieri sotto le insegne di EGF, con compiti di ordine pubblico e addestramento della polizia locale nell'ambito della missione ONU "MINUSTAH".

Eurogendfor: un pezzo del Governo ‘invisibile ma sostanziale’?
DI GIANNI LANNES ⋅ 14 GENNAIO 2011 ⋅

L’incubo fantascientifico diviene realtà per controllare definitivamente la società civile in ogni recesso del pianeta Terra, a partire dal vecchio continente. Avanza il modello militarista: il potere crescente della macchina bellica ad ogni latitudine.

E’ la reazione che alcune fasce della società civile, in Italia ma soprattutto all’estero, stanno sviluppando nell’analizzare realtà come Eurogendfor, la Forza di Gendarmeria Europea completamente svincolata da qualsiasi controllo di Parlamenti e Magistrature

Il militarismo gerarchico e autoritario, coltivato dalle caste con le stellette, siano esse democratiche, integraliste o populistiche, incombe nell’immediato futuro del genere umano. Secondo lo storico Giorgio Galli “La questione cruciale è il rapporto tra democrazia rappresentativa e potere militare, retti notoriamente su principi diversi. La prima si basa su libertà e controllo pubblico, mentre il secondo su disciplina e gerarchia. Le democrazie occidentali condizionate dal potere economico rischiano di svuotarsi sempre più, rinunciando alle garanzie di libertà e concedendo spazio alle caste militari”. Non è in gioco soltanto il monopolio della forza, ma il controllo totale della collettività.

Il Trattato di Lisbona (risalente al 13 dicembre 2007), assoggetta ogni Stato europeo ad una normativa promulgata da quelli che molti considerano ‘legislatori oscuri’. Entrato in vigore il primo dicembre 2009, è composto da 300 pagine e da numerosi protocolli, modifica il Trattato sull’Unione Europea e il Trattato che istituisce la Comunità Europea (ratificato e reso esecutivo in Italia con la legge numero 130 del 2 agosto 2008). In questa situazione si collocano i rapporti tra potere politico e potere militare, tra governo ‘di facciata’ (potere politico) e governo ‘invisibile ma sostanziale’ (potere militare). E’ in questo tipo di processo in atto che rivestono un ruolo le èlites militari, ossia il potere repressivo.

In uno studio della Kennedy School of Government (Harvard) si descrive come ogni mese si tenga a Washington una riunione tra rappresentanti dei principali media nazionali, del governo, del Congresso e dei servizi segreti, per determinare il margine di manovra sulle informazioni da pubblicare, ossia cosa e quanto.

Si delinerebbe un mondo inquietante in cui gli uomini armati accresceranno il loro potere influenzando più di oggi le grandi scelte della politica.

Felice Romano, segretario generale del sindacato Siulp di Polizia, non ha dubbi su Eurogendfor: “Semplicemente inquietante. E’ stata creata una struttura militare sovranazionale che potrà operare in qualsiasi parte del mondo, sostituirsi alle forze di polizia locali, agire nella più totale libertà ed immunità e che, al termine dell’ingaggio, dovrà rispondere delle sue azioni esclusivamente al suo comitato interno”.

trattato di Velsen: http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/gendarmeria_europea/trattat...

trattato di Lisbona: http://europa.eu/lisbon_treaty/full_text/index_it.htm

http://www.youtube.com/watch?v=f7a2vYQHriM
Sindicat Terrassa